Disponibilità alloggi

Tipo alloggio
Disponibilità
Posti letto femminili 1
Alloggio famiglia 1

Verifica disponibilità...

Notizie Cinformi

Crediamo nell'informazione, promuoviamo l'accoglienza, investiamo nella formazione per stimolare le potenzialità del singolo, incoraggiare lo scambio tra culture, favorire una convivenza pacifica.

Servizio orientamento all'inserimento lavorativo

Continua la raccolta dei dati relativi al servizio di orientamento all'inserimento lavorativo, che da molti anni ATAS onlus offre attraverso uno sportello quotidiano su appuntamento, in questi mesi grazie al progetto SCUP Ergonauti III.

Nei primi sei mesi del 2018 le persone che si sono rivolte al nostro sportello sono state 218 (71,55% uomini, 28,45% donne), per un totale di 364 contatti. Le attività richieste durante i colloqui allo sportello riguardano la stesura del curriculum vitae (21,22%), modifiche allo stesso (16,53%), iscrizioni alle agenzie di somministrazione (8,69%) e la consultazione di annunci sul portale dell'agenzia del lavoro o sul sito subito.it. Dall’analisi è inoltre emerso che il 53,22% degli/delle utenti rientra nella fascia d'età tra i 30 e i 50 anni, a cui seguono gli/le under 30 (34,40%) e gli/le over 50 (12,38%). Durante le attività di sportello è stata rilevata anche la provenienza dell'utenza. Le persone straniere che hanno usufruito dei servizi dello sportello sono state il 98,17%, di cui il 92,20% proveniente da paesi extra-ue. Gli/le utenti di nazionalità italiana sono stati/e solo l' 1,83%. I/Le "nuovi/e" cittadini/e italiani/e sono stati/e invece il 6,42%. Gli/le utenti che
risiedono in Italia da più di 10 anni sono stati/e il 37,62%, mentre quelli/e che risiedono in Italia da meno di 5 sono stati/e il 39,90%. Si è rilevato poi che le persone che si sono rivolte allo sportello e che risiedono in Italia da più di 5 anni, ma da meno di 10, sono state il 22,48%.

I dati relativi alla situazione alloggiativa evidenziano che il 6,5% delle persone che hanno usufruito del servizio sono persone senza dimora. La maggior parte dell'utenza, il 72,47%, è residente presso privati o ITEA. Il dato che riguarda la zona di alloggio degli/delle utenti messa a confronto con il luogo di ricerca lavoro rivela che l'utenza passata da Atas è disponibile a spostarsi per cercare lavoro.

Si tratta di un servizio rivolto soprattutto a persone che hanno scarsa padronanza della lingua scritta o familiarità con gli strumenti informatici e che  hanno bisogno di un supporto per poter ampliare e rendere più efficace la loro ricerca. Tuttavia, gli operatori pongono una soglia di competenza minima linguistica per accedere al servizio: riuscire a parlare un minimo di italiano è fondamentale per trovare lavoro, succede dunque che le persone vengano invitate a partecipare a corsi di lingua presenti sul territorio.

Un saluto alle nostre colleghe

Un saluto e un ringraziamento per il lavoro svolto in Atas a Beatrice Pani, che a fine luglio ha lasciato il ruolo di operatrice alla Residenza Brennero. Un saluto anche a Martina Angonese, che per alcuni mesi è stata impegnata nel progetto SCUP Ergonauti III. Grazie per la collaborazione e per la stesura del report con i dati del servizio di orientamento all'inserimento lavorativo del primo semestre 2018.

20.000 cartelle sociali

Giornata Mondiale del Rifugiato 2018

Anche quest’anno ATAS onlus ha aderito alla Giornata Mondiale del Rifugiato, in rete con Cinformi e le altre organizzazioni del sistema dell'accoglienza dei richiedenti asilo.

Sul tema della Giornata Oltre le Mura. Sconfina_Menti, il 20 giugno a Mori abbiamo creato ConFine il PassapOrto per far riflettere su cosa significhi ritrovarsi di fronte ad un muro. Oltrepassare un confine comporta complicazioni e proprio per questo Atas insieme ad alcuni ospiti richiedenti asilo ha simulato l’esperienza dell’attesa e del muro, chiedendo il passaporto o, in alternativa, un’impronta digitale. Al di là del muro, nell'orto comunitario di Mori - che si chiama PassapOrto - operatori e ospiti della Residenza Brennero insieme a ComunOrto – orto comunitario a Rovereto – hanno proposto laboratori per bambini e adulti. Un'occasione per stare insieme e fare un'esperienza di collaborazione, al di là dei muri fisici e mentali che i migranti, e non solo, possono incontrare nel proprio percorso.

Il tema dell'andare oltre i muri mentali e culturali è stato proposto da Atas anche con SmuraMenti il 25 giugno a Trento, all'interno dell'iniziativa del Forum Trentino per la Pace e i Diritti Umani e delle Feste Vigiliane Contro il Muro, che ha disseminato il centro storico di Trento di barriere. Ci siamo messi per strada e abbiamo invitato le persone ad attraversare una situazione di pregiudizio e “fake news” per poi “andare oltre il muro”: nel bellissimo cortile di Palazzo Thun da noi allestito in modo particolare, le persone avevano la possibilità di confrontarsi con dati, testimonianze, citazioni, articoli della nostra Costituzione. Davanti a un tè potevano mettersi in relazione e conversare con nostri ospiti richiedenti asilo, colleghi e colleghe, volontari e volontarie. Oppure seguire la storia dell'immigrazione in Trentino con il nostro docufilm I fiumi lo sannoUn'iniziativa per poter far conoscere ciò che spesso non viene detto. Una serata d'estate all’insegna del dialogo e della solidarietà per poter fare un passo avanti verso il non pregiudizio e scambiare pensieri sul tema dell’accoglienza.

Grazie per il contributo nell'allestimento a Cooperativa Samuele, Cooperativa Punto d'Incontro-Laboratorio falegnameria e restauro, Cooperativa La Rete e Arcigay del Trentino.  

Grazie a tutte le persone che sono andate con noi oltre il muro!

Per vedere le foto delle due giornate, vai al  link.

Dolomiti Pride 2018

Anche Atas ha sfilato al Dolomiti Pride del 9 giugno 2018 a Trento. Tra colori, musica e festeggiamenti, abbiamo portato la nostra esperienza di una mATASsa di diverse identità e alterità, un tessuto dato dall'intreccio di fili diversi, che insieme diventato un nuovo colore. Operatori, volontari, familiari e amici che hanno sfilato per le vie della città con i messaggi "Liber* di essere, liber* di migrare" e "Human rights for all". Uniti tutti insieme per sensibilizzare chi non è ancora sensibilizzato, soprattutto perché "l’orgoglio non conosce confini". Grazie a tutt*!
Per vedere Atas alla sfilata visita la nostra pagina FB a questo 
link.

Il tema della settimana dell'accoglienza 2018

Persona e comunità. Coltivare i doveri, promuovere i diritti. Questo il tema della quarta edizione della Settimana dell'Accoglienza, lanciato alla conferenza stampa del CNCA del Trentino Alto Adige il 18 aprile, alla quale anche Atas ha partecipato. La Settimana dell’Accoglienza si svolgerà dal 29 settembre al 7 ottobre 2018 e verterà "sull’intreccio di reciproci doveri e diritti che stanno alla base di una comunità accogliente" come ha spiegato Vincenzo Passerini, Presidente del CNCA del Trentino Alto Adige. Questo intreccio sarà declinato, ha continuato Vincenzo Passerini, in "tre ambiti comunitari: la società nel suo insieme, col suo intreccio di persone, organismi della società civile, istituzioni; il sistema di welfare, con il suo intreccio di pubblico, privato, privato sociale; le nostre organizzazioni (associazioni, cooperative, enti) con il loro intreccio di soggetti deboli, operatori, volontari, famiglie, e che sempre più sono chiamate a riscoprire la loro vocazione di servizio". Durante la conferenza stampa è intervenuta la nostra Presidente Sandra Aschieri, la quale ha ricordato che "un’organizzazione del sociale non adempie al proprio ruolo solo con la messa a disposizione di servizi e competenze, ma diventa luogo dove vivere la complessità del presente, stando dentro la realtà per comprenderla con le sue difficoltà e contraddizioni, ricercando soluzioni che servano a tutti e non soltanto a chi chiede un aiuto, promuovendo diritti là dove non sono né realizzati né rappresentati. Diritti che richiamano doveri, ma che senza l’attivazione dei primi, rischiano di diventare un abuso". Per ascoltare l’intervento della nostra Presidente clicca sul link.

Chi intende partecipare con qualche proposta, chi vuole avere informazioni o materiali, chi vuole collaborare come volontario, può prendere contatto con la segreteria al seguente indirizzo e-mail segreteria.taa@cnca.it

Il programma della settimana dell’accoglienza 2018 verrà chiuso in maniera definitiva venerdì  27 luglio 2018. Visita il sito www.settimanadellaccoglienza.it per maggiori informazioni.

Assemblea ordinaria ATAS onlus 2018

Molto partecipata L'Assemblea annuale di ATAS onlus sabato 19 maggio allo Studentato NEST: soci, volontari, partner, dipendenti, giovani in servizio civile, istituzioni. Sono intervenuti l'Assessore alla Salute e solidarietà sociale della Provincia autonoma di Trento Luca Zeni, l'Assessora della Regione Trentino-Alto Adige Violetta Plotegher, il Vicesindaco del Comune di Trento Paolo Biasoli, il Presidente del Forum Trentino per la Pace e i Diritti Umani Massimiliano Pilati.

La relazione della Presidente Sandra Aschieri ha messo in evidenza lo scambio, la contaminazione e il dialogo come le possibilità migliori per vivere il nostro tempo, un tempo difficile, dove mancano riferimenti sicuri e ognuno deve fare i conti con una realtà che sta mutando in modo spesso imprevisto e che lascia spazio a molte preoccupazioni, e dove è facile scivolare nella chiusura, nel rifiuto e nella paura. Da qui la necessità di aprire i confini dell'Associazione, rivolgendoci a molti fra coloro che sono esclusi, ma anche a quei cittadini che non vivono bene il proprio luogo di vita. Per questo ATAS onlus ha puntato sul lavoro di comunità, si sta occupando in maniera sempre più mirata di emarginazione e ha intensificato l'impegno nell'ambito nell'accoglienza dei richiedenti protezione internazionale in ATI con altri enti del territorio.

La relazione del coordinatore generale Emiliano Bertoldi ha messo in luce le novità del 2017 in un più ampio processo di sviluppo pluriennale. Percorsi iniziati negli scorsi anni hanno portato all'avvio a fine 2017 di progetti di sviluppo di comunità a Trento e Rovereto, che rafforzano le possibilità di inclusione per gli ospiti di Atas e di benessere della comunità tutta, aiutando a ritessere relazioni che contribuiscono a contrastare le paure del nuovo e del diverso. ATAS onlus ha partecipato inoltre alla coprogettazione, insieme alla Provincia autonoma di Trento e gli altri soggetti del Tavolo Inclusione, dello sviluppo dei servizi territoriali rivolti alle persone senza dimora, all'interno del programma nazionale per la riduzione della marginalità estrema orientati all'inclusione e all'housing first.

Nel corso del 2017 sono state 85 le persone in situazione di disagio sociale, prevalentemente italiane, accolte e accompagnate nelle strutture di ATAS onlus su segnalazione dei servizi sociali, e 84 le persone in situazione di difficoltà abitativa accolte.

Nell'ambito dell'accoglienza dei richiedenti protezione internazionale, in Trentino coordinata da Cinformi, sono state 316 le persone seguite dall'Associazione in strutture proprie o messe a disposizione dal sistema.

Grazie per la partecipazione, per gli interventi e il confronto che si è potuto realizzare anche in questa occasione!

Segui l’intervento della Presidentel’apertura della relazione del coordinatore generale su Facebook, qui sotto il testo integrale delle relazioni e del bilancio 2017.


...leggi

Dona ad Atas il 5x1000!

Donare ad Atas significa sostegno, inclusione, relazioni, comunità, diritti, responsabilità. Per stare bene. Tutti.

Non ti costa nulla ed è semplice, basta firmare e inserire nel riquadro “Sostegno al volontariato e alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale...” della tua dichiarazione dei redditi il codice fiscale di ATAS onlus: CF 01280230226.

Anche chi non deve compilare la dichiarazione dei redditi può donare il 5 x 1000! Consegnando presso un ufficio postale o un CAF la scheda integrativa per il 5 x 1000 contenuta nella Certificazione Unica (CU), in busta chiusa e riportando sulla busta “scelta destinazione 5 per mille dell'IRPEF”  e nome, cognome e codice fiscale.

Fai un bel canestro con noi!