Disponibilità alloggi

Tipo alloggio
Disponibilità
Posti letto femminili 1
Alloggio famiglia 5

Verifica disponibilità...

Notizie Cinformi

Crediamo nell'informazione, promuoviamo l'accoglienza, investiamo nella formazione per stimolare le potenzialità del singolo, incoraggiare lo scambio tra culture, favorire una convivenza pacifica.

ASPETTANDO LE STELLE

Martedì 8 agosto al parco Langer (ex-parco Salè) si è svolto il primo pomeriggio di Aspettando Le Stelle. Il parco è stato animato da varie attività come acrobalance, volley e criket, musica, improvvisazione musicale, cena comunitaria e storie da tutto il mondo con gli ospiti richiedenti asilo accolti in Trentino. Durante la serata la coordinatrice del Polo Sociale Oltrefersina Mattarello Susanna Frasson ha spiegato che lo scopo di queste serate estive è quello di creare occasioni di incontro e di collaborazione e promuovere l'integrazione tra cittadini e tra persone di culture diverse.

I prossimi appuntamenti, tutti a partire dalle 17.00, sono giovedì 17 agosto con il concerto del corpo musicale Città di Trento per Trento Jazz Band incontra Taiwan, martedì 22 agosto con mostre e laboratori artistici e infine martedì 5 settembre con testimonianze di vita spese per il bene comune.

In occasione delle serate sono tutti invitati a portare qualcosa da mangiare o da bere da condividere.

Gli appuntamenti sono organizzati da: Circoscrizione Oltrefersina, Comune di Trento, Polo Sociale Oltrefersina-Mattarello, ATAS onlus, Centro Astalli Trento, Kaledisocopio, Prodigio Onlus, APPM onlus, Fondazione Crosina Sartori Cloch, Fondazione Cassa Rurale di Trento, Quartiere Animato, Pituit studio d'Arti, Corpo Musicale Città di Trento.

NOI E GLI ALTRI

“Noi e gli altri – dialoghi sull'accoglienza e le relazioni con i richiedenti asilo" è una piccola pubblicazione, pensata per essere agevole e di veloce lettura, che sintetizza gli interventi del ciclo formativo denominato appunto Noi e gli altri, organizzato da ATAS onlus, Centro Astalli Trento, e Punto d'Approdo, rivolto a operatori sociali che a diversi livelli si occupano di migrazioni forzate. Nella pubblicazione, gli interventi sono stati così suddivisi:

1) Introduzione: il sistema asilo e le sue procedure. Con NICOLA GRIGION, Servizio Centrale SPRAR (Richiedenti asilo e diritto all'accoglienza); IRENE SERANGELI, Operatrice legale associazione Centro Astalli Trento (Le procedure d'asilo tra norme e realtà); PIERLUIGI LA SPADA Coordinatore Cinformi Trento (L'accoglienza in Trentino e nuovi modelli organizzativi).

2) I richiedenti asilo: esperienze vissute ed esperienze narrate. Con MONICA WEISSENSTEINER, Antropologa, Brenner Bording Monitoring (Violenze e traumi tra esperienza e rappresentazione. Possibilità e dilemmi nelle risposte d' accompagnamento e tramite la documentazione medico-legale di tortura per richiedenti d'asilo); ELISA MENCACCI, Antropologa, dottore di ricerca Unitn (Memorie di fuga per chiedere asilo: uno sguardo antropologico sul concetto di credibilità).

3) Uno sguardo alla relazione tra chi accoglie e chi viene accolto. Con BARBARA PINELLI Antropologa, Università di Milano-Bicocca (Sistemi di accoglienza: punti critici e risorse); SANDRA BRAMBILLA, Psicopedagogista e psicoterapeuta, Coop. Villa Sant'Ignazio, Trento (Ascoltare tra le culture: esperienze e linguaggi nella relazione d'aiuto con i richiedenti asilo. Elementi di metodo nel dialogo e nella relazione d'aiuto con richiedenti asilo).

4) Accoglienza e territorio: i volontari, l'abitare e la comunità. Con NICOLA RAINISIO, psicologo ambientale, Università' degli Studi di Milano (I luoghi del rifugio: spazi fisici e modelli di accoglienza); CHIARA MARCHETTI, Dipartimento di Scienze della mediazione linguistica e di studi interculturali e SILVIA VOLPATO, operatrice sociale associazione ATAS onlus, Trento (Accoglienza e comunità: coinvolgimento della comunità e lavoro di rete sul territorio nel lavoro di accoglienza di richiedenti asilo e rifugiati); CARLO COMINELLI, Coop k-pax, progetto SPRAR Breno e Brescia (La relazione coi richiedenti asilo e rifugiati: l'operatore volontario).

Per averne una copia si può mandare una mail a progetti@centroastallitrento.it per accordarsi sulla consegna. Si richiede un contributo minimo di tre euro, che serviranno per organizzare nuovi percorsi di formazione per gli operatori. Per approfondire, è possibile ascoltare gli interventi integrali dal sito.

BENVENUTI AI NUOVI COLLEGHI E ALLE NUOVE COLLEGHE!

Benvenute in Atas a Cinzia Tartarotti e Kekeli Akossiwa Gbetogbe, che saranno impegnate agli sportelli di Cinformi gestiti dagli operatori di Atas, dove vengono offerte informazioni e consulenza giuridica e sociale sulle tematiche connesse all’immigrazione. 

Benvenuto a Marco Cimonetti, che sarà impegnato come operatore sociale con i richiedenti asilo accolti in Vallagarina negli appartamenti seguiiti da Atas.

Buon inizio anche a Margherita Catalfamo, in Atas con il nuovo progetto SCUP Collaborando: empowerment e relazioni per la ricerca del lavoro. Alla Residenza Brennero contribuirà allo sviluppo di percorsi di empowerment, relazioni nella comunità e ricerca lavoro per gli ospiti.

 

Benvenuti e buon lavoro!

SCUP: COLLABORANDO

Graduatoria per il progetto SCUP Collaborando: empowerment e relazioni per la ricerca del lavoro.

(Fatte salve le verifiche di competenza dell'ufficio Servizio civile)

La graduatoria è stata redatta sulla base di requisiti oggettivi e della valutazione attitudinale in sede di colloquio.

Cognome

Nome

Idoneo

Selezionato

Punteggio

CATALFAMO

Margherita

SI

SI

28

ASSEMBLEA STRAORDINARIA E ORDINARIA ATAS 2017

Doppio appuntamento quest’anno per l’Assemblea di ATAS onlus sabato 27 maggio. Prima i soci riuniti in Assemblea Straordinaria hanno approvato le modifiche allo Statuto dell'Associazione, che incorpora il nuovo orizzonte che l'Associazione si è data e le trasformazioni avvenute nel corso degli ultimi anni nell'azione di Atas in risposta alla continua evoluzione sociale: la situazione di vulnerabilità o di difficoltà che sempre più accomuna italiani e stranieri, il focus sulla promozione di relazioni nella comunità, sull'accompagnamento verso l'autonomia e la corresponsabilità, e, infine, il ruolo di advocacy, l’innovazione nel welfare e la coesione sociale come fini ultimi dell'agire dell'Associazione.

Dopo la visita e un caffè nella nuova sede di Atas all'ottavo piano del palazzo di Via Lunelli, si è aperta l’Assemblea ordinaria, con la presenza anche di molti ospiti. Accanto ai soci erano presenti infatti volontari, amici dell'Associazione, partner istituzionali e del terzo settore.

La Presidente Sandra Aschieri ha sottolineato il ruolo fondamentale di “relazioni significative sia fra le persone prese in carico, sia con la comunità esterna, suscitando l'idea di reciprocità e scambio” in un clima di “paura diffusa e difficoltà del presente che generano incertezza e disagio”. Ha poi auspicato, per quanto riguarda l'accoglienza dei migranti, “l'uscita dall'emergenza per diventare, davvero, sistema” e la necessità di ragionare “fin da subito sul futuro di queste persone, su che ruolo possano avere fra noi, quale lavoro, quale abitazione, quale vita”.

Nella sua relazione il Coordinatore generale Emiliano Bertoldi ha offerto una panoramica dell'azione di Atas in un anno che è stato di consolidamento e passaggio, alla ricerca continua di “abitare il cambiamento che caratterizza il nostro tempo e l’evoluzione del welfare” e di andare “oltre”, riprendendo appunto il concetto di “oltre” che caratterizza il nuovo orizzonte dell'azione di Atas come emerso dal percorso del venticinquesimo e sancito dall'Assemblea dello scorso anno. Nel corso del 2016 Atas ha iniziato a gestire anche appartamenti messi a disposizione da altri enti o privati per l’accoglienza dei richiedenti asilo e una “grande struttura” come la Residenza Brennero, ha cercato inoltre di portare il lavoro di comunità nella quotidianità al di là di finanziamenti ad hoc per lo sviluppo di comunità.

Sono state 495 le persone ospitate dall'Associazione nel corso del 2016, 314 nei propri alloggi e 181 negli alloggi di Cinformi. Di queste persone, il 20 per cento sono state ospitate negli appartamenti per persone vulnerabili segnalate dai servizi sociali, il 21 per cento in alloggi di housing sociale e il 59 per cento sono richiedenti o titolari di protezione internazionale. Per approfondire e per trovate i dati e i dettagli delle diverse attività di Atas, strutturate nelle tre aree tematiche: abitare, informare e orientare, innovare e sperimentare, vi invitiamo a consultare la relazione del Coordinatore generale al link qui sotto.

...leggi

DALLA COMUNITA' ALLA COMUNE UMANITA'

Dalla comunità alla comune umanità”. Questo è il tema della Settimana dell’accoglienza 2017, presentato alla conferenza stampa dell’11 aprile da Vincenzo Passerini, Presidente del CNCA del Trentino Alto Adige, di cui anche Atas fa parte.

Il tema della Settimana dell'accoglienza 2016 è stato "Dai frammenti alla comunità". Ma "una comunità è tale se ci aiuta a comprendere la comune umanità che lega gli esseri umani". Il tema di quest'anno vuol esser "un invito a fare delle nostre comunità dei luoghi dove le etichette, i muri fisici, mentali, culturali che pretendono di distinguere e separare gli esseri umani cadono di fronte alla consapevolezza della comune umanità che tutti ci unisce. Luoghi dove possiamo scoprire il senso profondo dell’accoglienza, il perché accogliere, proprio perché le relazioni umane e sociali più autentiche ci aiutano a scoprire che chi accoglie e chi è accolto si arricchiscono reciprocamente mettendo in comune quel frammento di umanità di cui ciascuno è portatore”.


La Settimana dell’accoglienza che si svolgerà dal 7 al 15 ottobre non è solo un insieme di eventi - nel 2016 sono stati più di 120 - ma anche il punto di arrivo di un partecipato lavoro di animazione sociale nel nostro territorio, sia trentino sia altoatesino. La Settimana è il risultato della partecipazione di enti, associazioni, Comuni, Comunità di Valle e per questo il tema è stato lanciato ora.
In preparazione alla Settimana si terranno anche due momenti formativi: per operatori e operatrici delle organizzazioni che fanno parte del CNCA il 29 maggio sul tema “Dalla comunità alla comune umanità: accompagnare il cambiamento” con il prof. Ivo Lizzola; per volontari e volontarie il 31 maggio sul tema del ruolo del volontariato nell’accoglienza con Piergiorgio Reggio.

IL TUO 5x1000 PER ATAS

Scegli di dare il cinque per mille ad Atas! Non ti costa niente e con il tuo aiuto possiamo fare di più, insieme! Per sentirsi a casa.

RELAZIONI IN MOVIMENTO

Si è concluso a dicembre il progetto Relazioni in movimento: la pratica dello sport come strumento di integrazione delle donne di origine immigrata in Trentino, con l'incontro pubblico di presentazione del Rapporto di ricerca il 21 dicembre presso il Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell'Università di Trento. Il Rapporto, a cura di Milena Belloni e con la supervisione scientifica di Paolo Boccagni, può essere scaricato dal sito di Atas.

Il Rapporto contiene una breve review della letteratura sul tema dell'accesso allo sport e dell'integrazione attraverso lo sport e alcuni dati sulla pratica dello sport e sui tesseramenti in Trentino. Segue un'analisi di quanto emerso dalle interviste a donne di origine immigrata che praticano (e non) sport o attività fisica e a “testimoni privilegiati”, che mette in evidenza le opportunità in termini di integrazione e gli ostacoli alla pratica sportiva. Sono poi riportate esperienze e pratiche in atto o concluse sul tema dello sport e integrazione, tra i quali anche progetti nei quali Atas è coinvolta.

Le conclusioni e i punti chiave della ricerca mettono in evidenza alcuni elementi. Attraverso le interviste è stato approfondito l'importante ruolo dello sport (e dell'attività fisica più in generale) nel favorire l'integrazione socio economica e linguistica, e in questo ambito anche nel far conoscere le culture e gli approcci allo sport dei Paesi di provenienza. Sono emerse la necessità di raccogliere in maniera sistematica e condividere i dati disponibili a livello provinciale e l'indicazione di coinvolgere la popolazione migrante negli interventi per promuovere attività fisica presso le donne di origine straniera, guardandosi dagli “stereotipi”. E' emerso anche come cittadinanza, regolamenti sportivi e codici di abbigliamento possano essere ostacoli alla pratica sportiva. Quando si analizzano gli ostacoli alla partecipazione allo sport è necessario prendere in considerazione le condizioni socio-economiche (ad esempio per la partecipazione degli alunni a attività scolastiche extracurriculari o attività sportive extrascolastiche), l'ottica di genere (ad esempio in alcune comunità) e la variabile della più o meno recente immigrazione, mentre la pratica religiosa non sembra essere di per sé un ostacolo alla partecipazione sportiva. Rimane da analizzare la situazione di quelle donne immigrate a seguito dei mariti non lavoratrici con minime interazioni con il contesto sociale e anche la situazione delle assistenti domiciliari rispetto alla pratica di attività fisica.

Sempre all'interno del progetto Relazioni in movimento, è stata preparata una mostra fotografica con la collaborazione di Alessio Coser, UISP, Apecheronza Basket Avio e Centro Astalli, e grazie alla disponibilità di alcune partecipanti alle interviste per il Rapporto di ricerca. La mostra ritrae le atlete intervistate e momenti sportivi o di attività fisica, e riporta stralci di interviste e citazioni sulla relazione tra sport/attività fisica e socializzazione, salute e pari opportunità.

Il progetto Relazioni in movimento: la pratica dello sport come mezzo di integrazione delle donne di origine immigrata in Trentino è stato realizzato da Atas onlus in partenariato con il Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale – Università degli Studi di Trento e l’Unione Italiana Sport Per Tutti – UISP Comitato Trentino grazie al contributo della Provincia autonoma di Trento – bando per le pari opportunità tra donna e uomo. Grazie a tutte le persone che hanno reso possibile la realizzazione del progetto, partecipato alla ricerca, alle interviste, alla presentazione pubblica e alla preparazione della mostra fotografica! Leggi il rapporto di ricerca:

...leggi

Vi aspettiamo in Via Lunelli

Da luglio ci trovate nella  nuova sede di ATAS onlus in Via Lunelli 4 a Trento Nord. Nello stesso edificio ci sono i nostri colleghi impegnati presso Cinformi e altre organizzazioni con le quali abbiamo collaborato nel corso degli anni.

Vi aspettiamo!

Ricordiamo che anche l'ufficio di Rovereto si è spostato in Via della Terra 49, con il nuovo numero di telefono 0464432230.